LIFE12 NAT/IT/000818 XERO-GRAZING

Conservazione e recupero delle praterie xero-termiche della Valle di Susa mediante la gestione pastorale


Semi-natural dry-grassland consevation and restoration in Valle Susa through grazing management

Notizie Principali

  • Video
  • Video Progetto
  • Video Progetto 2

Notizie in Evidenza

  • ISCRIVITI AL CONVEGNO FINALE DEL PROGETTO

    ISCRIVITI AL CONVEGNO FINALE DEL PROGETTO

  • 1

Notizie

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random
load more hold SHIFT key to load all load all

Lo scorso 20 giugno si è tenuto il workshop itinerante dedicato allo studio e alla gestione agro‐pastorale delle praterie xero‐termiche

I partecipanti del workshop iniziale del progetto LIFE Xero-grazing

Lo scorso venerdì 20 giugno si è tenuto, presso le aree interessate dal progetto, un workshop itinerante di carattere tecnico finalizzato allo scambio di esperienze circa lo studio, la tutela e le modalità di gestione agro-pastorale dell’habitat 6210* o di altri habitat o specie di interesse comunitario.

Hanno partecipato all'evento circa una trentina di persone, le quali si sono mostrate molto interessate allo svolgimento del progetto.

Il bel tempo ha permesso che l'evento si svolgesse nelle aree d'intervento del progetto; così il ritrovo dei partecipanti è stato individuato presso Foresto nella sede dell’Ente, da dove sono stati trasferiti con un pulmino presso le prossimità delle aree di progetto. Dopo una breve camminata si è giunti alla prima delle stazioni di lavoro dove Laura Castagneri (Direttore dell'Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Cozie e coordinatore del progetto) e Piera Favro (Sindaco del Comune di Mompantero) hanno salutato i partecipanti. Giampiero Lombardi (AGROSE) e Consolata Siniscalco (DBIOS) hanno presentato il progetto e il territorio dove si svolge.

In seguito il gruppo si è trasferito presso la seconda area di lavoro, dove gli esperti di DBIOS e AGROSE ci hanno illustrato mediante esempi pratici le peculiarità floristiche del territorio, la metodologia di rilievi floristici (specialmente di orchidee e delle specie stenomeditarrenee rare) così come la metodologia di rilievi fitopastorali.

Nella terza stazione di lavoro è stato affrontato l'argomento della precedente utilizzazione dei territori del SIC e l'evoluzione della vegetazione in relazione all'abbandono. A tal proposito è intervenuto il Sig. Giulio Nasime, il quale si è fatto portatore della “voce della memoria del territorio”.

 Dopo aver attraversato i territori dove si svolgeranno le azioni concrete di conservazione, il gruppo è arrivato alla quarta e ultima stazione di lavoro a Pian Culuru dove Giampiero Lombardi (AGROSE) ha spiegato le azioni concrete del progetto e i principi e soluzioni tecniche adottate.

Il rientro a Foresto è avvenuto a piedi. Dopo pranzo, presso Foresto nella sede dell’Ente si è tenuta la seconda parte del workshop consistente nella presentazione di altri progetti e lavori nazionali inerenti alle tematiche del LIFE Xero-grazing, tra i quali si può menzionare la presentazione dei LIFE GREENWOOLF e LIFE WOLFALPS e un intervento sul habitat 6210* praterie seminaturali xero-termiche ricche di orchidee.

I partecipanti, principalmente di carattere tecnico hanno mostrato molto interesse durante tutto il workshop, e il dibattito è stato partecipato e arricchente.

 

Qui puoi scaricare il materiale distribuito ai partecipanti

 

Qui puoi scaricare le Presentazioni in pdf

Puoi vedere più foto dell'evento nella galleria fotografica “Il progetto

Qui puoi scaricare la brochure prodotta per l'evento, la locandina e il programma del workshop

 

 

W

gramma del workshop Workshop itinerante del 20/06/2014 (Azione E2): nella prima stazione di lavoro Workshop itinerante del 20/06/2014 (Azione E2): esempio di rilievi fitopastorali usati per AGROSE nel progetto presentazione di altri progetti e lavori nazionali inerenti alle tematiche del LIFE Xero-grazingW

Facebook

Sei qui: Home Home Ita Lo scorso 20 giugno si è tenuto il workshop itinerante dedicato allo studio e alla gestione agro‐pastorale delle praterie xero‐termiche